Silviah rimembri ancora?

Dai Diamanti non nasce niente. Tranne una polemica con Guaraldi…

Pubblicato da BNJ Harper il 4 settembre 2016 alle 5:40

Silviah, rimembri ancora il tempo della cessione di tuo marito Alessandro Diamanti dal Bologna al Guangzhou Evergrande? Se così non fosse, ci pensa l’ex presidente del Bologna Guaraldi a ricordartelo, perché sulle pagine del Corriere dello Sport, ha tirato in ballo proprio te in merito alla rottura tutt’altro che idilliaca di Alino con il club rossoblù, risalente a due anni fa.alino-diamanti-polemica

Guaraldi, le accuse a Diamanti

“Sono due anni che taccio – ha detto in un’intervista Albano Guaraldi  ma la continuità con la quale Diamanti accusa il Bologna per la sua cessione mi ha stupito. Lui è andato via di fronte ad un contratto milionario. La moglie piangeva e batteva i piedi perché voleva andare in Cina. Io e il calciatore venimmo quasi alla mani quando lui scoprì che in un primo momento avevo rifiutato la cessione per motivazioni legate alle garanzie finanziarie della prima offerta – ha rivelato l’ex presidente rossoblù al CdS -. Diamanti ha poi iniziato a demotivare tutta la squadra, a chiedere l’esonero di Pioli dopo ogni partita, ha fatto il lavaggio di testa a tutti i suoi compagni ed ha contribuito in maniera decisiva alla retrocessione. Prima del Natale del 2013, prima dell’ultima gara del 22 dicembre contro il Genoa mi disse: vinciamo questa poi però Pioli va esonerato, altrimenti la prossima contro il Catania la perdiamo – ha proseguito Guaraldi -. Quando un giocatore vuole andare non puoi farci niente -ha detto anche Guaraldi- Ramirez arrivava svogliato e si allenava male, Diawara ha preso e se ne è andato. In questi casi c’è poco da fare, si può solo cercare di evitare danni economici per il club“.

diamantievergrande

Accuse pesanti, dunque: la moglie Silviah che condiziona le politiche del club, Diamanti che ‘esonera’ Pioli e poi scoraggia tutta la squadra trascinandola alla retrocessione. Accuse che non sono certo passate inosservato al neo-giocatore del Palermo, che tramite il suo profilo Twitter è intervenuto direttamente sulla vicenda, cercando di mettere i puntini sulle i e, finalmente, di chiudere la polemica. Ci sarà riuscito?

La replica di Diamanti a Guaraldi

“In questi anni ho preferito evitare l’argomento con la stampa, perché chi e’ vero con se stesso non ha bisogno di giustificarsi. Io a Bologna ho scelto di viverci e la dignità ed il rispetto viene prima di ogni cosa. Non cerco sicuramente l’affetto di una città a priori. Viviamo in un mondo libero dove ognuno può e deve esprimere i propri pensieri, ma è giusto farlo con un buon senso e soprattutto in base a cose vere. Mi fa rabbia esser giudicato furbo e stratega, quando uno dei miei più grandi difetti o qualità e’ proprio non riuscire a programmare nemmeno il giorno dopo. Mi fa rabbia (e soprattutto e’ incazzata Lei, la Silvia) leggere storie su comportamenti di mia moglie, quando entrambi non ricordiamo di incontri con la dirigenza se non oltre un buongiorno/buonasera allo stadio. Lei, che probabilmente è la persona più corretta e sincera d’animo che io possa conoscere. A distanza di quasi 3 anni mi chiedo perché si debba parlare ancora di noi, questa storia. Addirittura in prima pagina! Credo sia passato tanto tempo, e ognuno ha preso le proprie strade. BE HAPPY ?? Argomento chiuso”.

diamanti-moglie-silviah-hsieh

Ma sì, be happy Alino. E stai serena, Silviah Hsieh, ormai è tutta acqua passata. Per Diamanti, infatti, dalla prossima domenica inizia la nuova sfida Palermo. E se vorrete fare polemica con qualcuno… beh, Zamparini è lì a posta!

alino-diamanti-palermo-moglie-silviah

Edinet - Realizzazione Siti Internet