grazie a dio

Dzemaili è rossoblù: la Serie A ritrova Erjona

Pubblicato da BNJ Harper il 16 agosto 2016 alle 8:36

Tutto è bene quel che finisce bene. Sì, ce la siamo vista molto molto brutta, ma ormai resta solo il ricordo di un grosso spavento. La Serie A ha fortemente rischiato di dire addio a una delle sue WAGS più dirompenti, più amate e più hot della stagione 2015/2016, ma – grazie al cielo – tutto si è risolto per il meglio. Erjona Sulejmani, alias la signora Dzemaili, viene ufficialmente riconfermata nel roaster di bellezze del campionato italiano di calcio e a esultare non sono solo i tifosi del Bologna che presto la vedranno aggirarsi sotto i portici del capoluogo emiliano, ma tutto il movimento calcistico tricolore.

erjona-dzemaili-bologna

Un ringraziamento accorato va alla dirigenza del Bologna, che dopo un lungo corteggiamento, ha ingaggiato dai turchi del Galatasaray il centrocampista della Nazionale svizzera Blerim Dzemaili. L’anno scorso ha militato – con buoni risultati – nelle file del Genoa, poi un buon Europeo con gli elvetici, le vacanze con la famiglia (la moglie e il figlioletto Luan) e il ritorno in Turchia.

dzemaili-muslera-galatasaray

Dzemaili con il portiere ex Lazio Muslera al Galatasaray

Le attenzioni della stampa internazionale sulla bella Erjona, che esponendo forme da capogiro in maglia biancorossa aveva affascinato più di di uno stadio francese a Euro2016, ci hanno fatto temere che qualche top club ci portasse via Blerim e consorte. Questo perché il presidente del Genoa Enrico Preziosi aveva da tempo deciso di non esercitare il diritto di riscatto per via dell’alto ingaggio di Dzemaili, ma il nuovo ds del Bologna Riccardo Bigon (che già lo ebbe al Napoli) è riuscito a fare miracolo, per la felicità di tutti noi.

blerim-dzemaili-switzerland-national-day

Dopo aver perso Alice Campello e con una Chiara Biasi in partenza verso la Germania, la Serie A non avrebbe di certo potuto sopportare di perdere un altro dei sui pezzi da novanta, anzi da 90-60-90. E infatti, quel grand’uomo d’affari di Joey Saputo, chairman del Bologna, se l’è assicurata portandola all’ombra delle Due Torri per almeno un anno.

Di questa sapiente operazione, c’è però un rovescio della medaglia, perché il milionario imprenditore caseario italocanadese ha intenzione di far terminare la carriera di Dzemaili nell’altra squadra di sua proprietà, il Montreal Impact, portandosi via in MLS anche la bella Erjona. Un prezzo da pagare per poter riportare in Italia (per soli 500mila euro!) la splendida Sulejmani.

erjona-dzemaili2

Ne sarà contento il piccolo Luan, figlio della coppia svizzero-albanese, che dopo aver vissuto in Italia e in Turchia, potrà imparare anche francese e inglese in quel di Montreal. Con un papà come Dzemaili, chissà che non intraprenda anche lui la strada da calciatore, nel frattempo più che con il pallone, si diverte a giocare con le palline nella vasca con mamma, del tutto ignaro che in quella stessa vasca si vorrebbe tuffare a pesce mezza Italia.

erjona-dzmaili-figlio-luan

 

 

 

 

 

Edinet - Realizzazione Siti Internet