Zenga al Wolverhampton

L’Uomo Ragno diventa Lupo. Walter, ora ci divertiamo

Pubblicato da mr.renamalo il 30 luglio 2016 alle 12:33

Un Ragno a capo dei Lupi?! Si può, uscite dalle convenzioni. Walter Zenga torna in panchina, la nuova sfida si chiama Wolverhampton Fc e – scusate se è un caso – ha il simbolo più spettacoloso della storia del calcio: il muso di un lupo nero su sfondo arancione. Uno sballo cromatico da riempirci di adesivi la casa, la macchina, il pc, tutto. L’Uomo Ragno riparte dalla Championship, la serie B inglese, ma definirlo un passo indietro rispetto all’ultima esperienza alla Sampdoria è una bestemmia vera. Avrà come rivali il Fulham, il Newcastle, l’Aston Villa, il Leeds di Cellino (che lo ha corteggiato a lungo per la panchina poche settimane fa salvo fare all’ultimo un bizzarro dietrofront). Noi Cellino lo abbiamo difeso e difenderemo, ma su Coach Z ha preso un bel granchio…

Zenga e Bergomi

Zenga e Bergomi nel commento degli ultimi Europei in Francia

E’ un campionato di club spessi, tifosi calorosi, stadi affascinanti e sempre pieni. E pure di soldi, tanti soldi. Il Wolverhampton Fc è stato appena comprato dal gruppo cinese Fosun International, guidato da Guo Guangchang (per Forbes l’undicesimo uomo più ricco della Cina, 5,5 miliardi di dollari), che con circa 50 milioni di sterline ha rilevato il 100% delle quote dall’ex patron Steve Morgan. E questo gruppo ha scelto questo club/brand di una città del nord, di 250 mila abitanti, con la collaborazione di un certo Jorge Mendes, l’agente di Mourinho e Cristiano Ronaldo, ovvero l’agente più importante del mondo. Insomma: Walter Zenga non solo riparte, lo fa in un progetto grande, con delle entrature importanti, con capitali a disposizione e un orizzonte da disegnare. Potrà mettere il suo estro, la sua fantasia italiana, anche un po’ della sua follia per costruire qualcosa di unico. Potrà essere finalmente quello che è: un coach passionale, istrionico, anche un po’ visionario.

Walter Zenga

I primi commenti all’annuncio Social del nuovo incarico di Zenga

Siamo un po’ troppo di parte? E’ vero, lo confessiamo, per Walter Zenga abbiamo una predilezione. D’altra parte c’è una rubrica che è nata insieme al progetto di Social Football Club e si chiama Z Factor perché celebra proprio il Fattore Zeta che è di Walter Zenga ma in generale di tutti quelli che non stanno mai fermi e cercano sempre nuove isole non segnate sulla mappe. Di Zenga ci piacevano le sue parate da portiere più forte del mondo ma ci siamo poi innamorati del coach giramondo che avrebbe potuto vivacchiare in Italia da ex Legend del calcio e invece si è sempre messo in discussione confrontandosi con lingue nuove, posti nuovi, calcio sconosciuto. Ha vinto, ha perso, si è sempre risollevato. E ora riparte dalla Championship, il calcio più vero e nobile dell’Inghilterra. Ci siete mai stati a vedere un match della B inglese? No? Andateci, poi ne riparliamo. Per passione, calore, folclore, non c’è pari, meglio persino dell’ormai molto commerciale Premier League. Altro che la nostra Serie B, altro che la Serie A con stadi semivuoti e ambiente che mette malinconia. Tutt’altra roba. Andateci in Championship e poi diteci se è calcio minore o il calcio migliore.

Molineux Wolverhampton Walter Zenga

Il nuovo stadio Molineux di Walter Zenga: 31 mila posti, grandissimo calore

Adesso la sfida si chiama Wolverhampton ma non pensiate che l’occasione è nata mesi fa, è stato tutto frutto delle ultime ore. Walter Zenga era con la moglie Raluca e i figli ad Ibiza in vacanza quando ha ricevuto la chiamata decisiva: “Prendi il primo volo e presentati in Inghilterra, ti vogliono“. Chi c’era dall’altra parte? Questo non possiamo dirvelo ma è uno dei personaggi di calcio più importanti del pianeta. Magari verrà fuori, forse sarà Coach Z a svelarlo. Di fatto Zenga ha preso il primo volo, salutato l’amico e idolo Vitor Baia con cui ha fatto una delle ultime foto sui suoi Social (lo ricordate l’altro grande ex portiere? Proprio lui), e una volta in Inghilterra si è accordato per un contratto annuale. Sui Social aveva annunciato qualcosina di questo blitz ma restando sul vago e alimentando tanta curiosità. Neanche a dirlo, tanti tifosi dell’Inter che aspettano da anni il ritorno dell’Uomo Ragno hanno sperato fosse la volta buona…

Walter Zenga e Vitor Baia a Ibiza

La foto sui Social dell’incontro a Ibiza tra due numeri 1: Zenga e Vitor Baia

Il campionato inizia prestissimo, tra una settimana appena. La prima partita sarà contro il Rotherham sabato prossimo, già oggi (sabato) i Wolves hanno un’amichevole contro lo Swansea di un certo Guidolin e Coach Z sarà in tribuna a vedere per la prima volta i suoi. Sui Social Walter Zenga ha postato poco fa il simbolo del club, quel fantastico lupo nero su sfondo arancione e i primi tifosi inglesi hanno iniziato a seguirlo e mettergli il proprio like. Il viaggio è appena iniziato, la strada sarà lunga e piene di insidie, ma il Socialfc.it è con Walter Zenga e con tutti quelli che si lasciano guidare dal loro gene Z Factor: significa mai tornare indietro, andare sempre avanti e #chisifermaèperduto

Edinet - Realizzazione Siti Internet